Benvenuto
0774.557611  ordini@torreswine.it

10.00

Dogliani DOCG 2015 – Poderi Luigi Einaudi

  • Annata: 2015
  • Denominazione: Dogliani DOCG
  • Vitigni: Dolcetto 100%
  • Alcol: 13%
  • Formato: 0.75l
  • Temperatura di servizio: 16/18°C
  • Momento per degustarlo: Cena tra amici
  • Tipologia: Rosso
  • Abbinamenti: Primi di terra, Secondi di terra
  • Download: Scheda tecnica

Disponibile

  • Descrizione
  • Recensioni (0)

Descrizione

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Rosso rubino, con riflessi color porpora. All’olfatto si rivela profondamente fruttato, contraddistinto da richiami ai piccoli frutti a bacca rossa. Di medio corpo e scorrevole nella beva, è caratterizzato da un retrogusto lievemente ammandorlato.

ABBINAMENTI

Perfetto da sorseggiare a tutto pasto, in abbinamento alla cucina di terra, è ideale da abbinare al fritto misto alla piemontese.

CANTINA

La storia dei “Poderi Luigi Einaudi” ha inizio nel 1897, quando Luigi Einaudi, appena ventitreenne, acquistò non lontano dal centro abitato di Dogliani la Cascina “San Giacomo”. Parallelamente al suo percorso didattico e politico, pare che anche da Presidente della Repubblica Luigi Einaudi non si perse neanche una vendemmia, riuscendo a consegnare alle Langhe piemontesi un’azienda modello per l’epoca: cento ettari, di cui venti coltivati a vigna, costruiti praticamente da zero. Una storia che grazie all’interessamento di uno dei suoi figli – l’unico a mantenere un forte legame con le proprie terre d’origine – è continuata negli anni, e che oggi si è tramandata al nipote, Matteo Sardagna.
Attualmente, la superficie vitata è arrivata a superare i cinquanta ettari, per una conduzione agronomica convenzionale affidata alla direzione di Giampiero Romana. In cantina, sotto la firma enologica di Lorenzo Raimondi, sono prodotte etichette sulla base di una ferma convinzione: un grande vino può nascere solamente da una grande vigna e da un grande terroir.
E allora ecco che in fase di vinificazione e affinamento, le numerose attenzioni e gli scrupolosi monitoraggi di ogni passaggio produttivo, sono finalizzati a perseguire un primario obiettivo: valorizzare ed esaltare per mezzo del lavoro dell’uomo ciò che la natura ha creato. Ritroviamo quindi il Dolcetto “Vigna Tecc”, il Barolo “Cannubi” e il Barolo “Vigna Costa Grimaldi”, poi a seguire il Barbaresco, la Barbera, il Nebbiolo, il Pinot Grigio e tutti gli altri. Rossi, bianchi e rosati, da far rientrare tra i migliori vini italiani, per una cantina, quella dei Poderi Luigi Einaudi, capace di raccontare non solo il territorio di Dogliani, grazie al suo Dolcetto, ma anche in grado di riassumere tutta l’eccellenza enologica delle Langhe, per merito dei numerosi appezzamenti corrispondenti ad alcuni dei cru di maggior prestigio appartenenti alle denominazioni del Barolo e del Barbaresco. Una produzione di grande classe, in grado di coniugare tradizione e contemporaneità come poche altre oggi riescono a fare.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni. Aggiungi una recensione

Ti potrebbe interessare…

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per attivare tutte le funzionalità del sito. Cliccando su "Accetto" aderisci alla nostra politica sui cookie.